Eventi

Il giallo via e-mail

28 April 2005

Può un giallo essere scritto via posta elettronica da due autori diversissimi, uno siciliano e l’altro lombardo, che non si sono mai visti prima e che vivono a duemila km di distanza? La riposta sta nell’originale “Io e Yvonne”, (Dario Flaccovio Editore) scritto da Ignazio Rasi che aveva lanciato la proposta su internet: “Chi scrive un romanzo con me?”. Il milanese Ernesto Villa, rispose: “Possiamo provarci”.
“Io e Yvonne” nasce così. Da allora, il detective Mimì La Torre e Yvonne, una prostituta-bambina, viaggeranno tra il nord e il sud dell’Italia, con le centinaia di e-mail che Rasi e Villa si sono scambiati per dar vita a questo primo, corposo giallo di 360 pagine. Si comincia con un coca-party. Domenico “Mimì” La Torre, esperto in osservazioni e recupero crediti (come recita l’iscrizione del suo ufficio), fa da gorilla a un ricco cliente cocainomane che vorrebbe violentare sul posto la baby-squillo rimasta in mutante dopo uno strip. Mimì non ci sta, gli molla un cazzotto frattura-mascella, si carica Yvonne in spalla e fugge verso avventure e colpi di scena lombardo-sicule.


indietro